Black Mass – L’Ultimo Gangster, la Recensione in Anteprima.

Già dal titolo non c'è pericolo di confondersi per quel che riguarda l'argomento: “Black Mass – L'ultimo gangster” non potrebbe essere più chiaro di così.

Questa recensione in anteprima di Black Mass – L’Ultimo Gangster NON Contiene SPOILER.

Nelle due ore di pellicola, diretta da Scott Cooper (al suo terzo film da regista), si approfondisce non solo il personaggio James “Whitey” Bulger, ma soprattutto tutti i rapporti che sono intercorsi tra lui e un suo vecchio amico d’infanzia John Connolly, agente dell’FBI, legato anche al fratello di James, ovvero il senatore William “Billy” Bulger.

Inutile tentare di elencare le nefandezze di cui si macchia Whitey (basti pensare che sta scontando due ergastoli e cinque anni di detenzione, dopo anni e anni di latitanza): quello che veramente colpisce di questo film è come il regista abbia deciso di condurci, mano nella mano, in quelli che sono stati i suoi vent’anni di ascesa nella malavita di Boston e non solo.

black mass recensione poster

L’idea di far seguire parte degli interrogatori svolti agli scagnozzi e ai collaboratori di Whitey per poi tornare indietro nel tempo in una sorta di “viaggio nella memoria collettiva” è particolarmente intrigante e mantiene ancorati alla poltrona fino alla fine dei titoli di coda.

mantiene ancorati alla poltrona fino alla fine dei titoli di coda.

La figura del poliziotto dell’FBI che vorrebbe tenere in mano le redini della situazione e che invece viene letteralmente travolto dagli eventi, venendo usato a piacimento da Whitey per i suoi scopi espansionistici, è stato interpretato in maniera convincente da Joel Edgerton, che diventa quasi insopportabile nei panni di chi vorrebbe condurre un gioco ben fuori dalla sua portata ma non si arrende all’evidenza, lottando contro l’inevitabile con un ingiustificabile eccesso di tracotanza.

Johnny Depp, trasfigurato quasi al punto di non essere riconoscibile, nei panni di Whitey, conquista a una prima occhiata: dietro quegli inquietanti, enormi occhi celesti ci si ricorda vagamente della fisionomia dell’attore, che riesce a farci credere di non aver interpretato mai altri ruoli all’infuori di quello. La sua interpretazioni è una delle colonne portanti del film: uscendo dalla sala si è convinti che il suo sia il volto del vero criminale, in una sovrapposizione di persona e personaggio da manuale. 

black mass johnny depp


La figura di questo “ultimo gangster” non ci viene servita già preconfezionata come ci si potrebbe aspettare: non si affrontano solo i crimini commessi nel corso degli anni da Whitey, ma si approfondiscono anche lati più umani di questo “autentico criminale” che ce lo rendono più vicino, nonostante la crudeltà e il sangue freddo con cui porta a termine le sue esecuzioni.
Un’interessante analisi non solo di quelli che sono stati fatti di cronaca che hanno scosso la coscienza di buona parte dell’opinione pubblica di allora, ma soprattutto un accurato quadro generale dell’animo umano e di quelli che sono i rapporti (troppo spesso nocivi) che tendono a crearsi tra uomini alla ricerca di qualcosa che probabilmente non riusciranno ad ottenere mai.

Un film che merita di essere visto e che vale la pena godersi a pieno nel buio della sala, dove ci si dimenticherà di essere, venendo trasportati nella Boston degli anni 70/80, nel vortice di crimini riportati sullo schermo in maniera decisamente coinvolgente.
Recensione a cura di Chiara Colasanti.

black mass recensione

Black Mass – L’Ultimo Gangster sarà al cinema da giovedì 8 ottobre.
Diretto da Scott Cooper interpretato da Johnny Depp, Joel Edgerton, Dakota Johnson, Juno Temple, Rory Cochrane, James Russo, Peter Sarsgaard, Kevin Bacon, David Harbour, Benedict Cumberbatch, Corey Stoll, Adam Scott, Jesse Plemons, Julianne Nicholson, W. Earl Brown.

Categorie
NewsRecensioniWideNews

Le Ultime Novità: