La Bella e la Bestia, la recensione in anteprima!

dal 16 marzo al cinema.

La Bella e La Bestia – “una storia, sai, vera più che mai…”

Sono una “Nerdisneyana”, ci tengo a precisarlo prima che vi addentriate nella lettura di questa recensione in anteprima (senza spoiler), quindi quello che leggerete sarà quanto più possibile meno di parte, però… il cartone animato de “La Bella e La Bestia” è stato il primo film che io abbia mai visto al cinema, gridando dietro a quel cattivone di Gaston nel bel mezzo della sala, quindi potete ben capire con che spirito io mi sia preparata a questo remake live di uno dei cartoni che mi ha letteralmente cresciuta.

la bella e la bestia, film, live action

Dal cartone animato Disney La Bella e la Bestia

La scelta degli attori mi aveva già fatto sperare in bene, perché Emma Watson era la mia Belle ideale e persino Gaston mi cominciava a stare quasi simpatico (quasi, eh!) per non parlare del fascino della Bestia, oltre che del celeberrimo Le Tont, di cui avevo tanto letto online e che non mi ha deluso affatto, anzi.

Le scelte di cambiare i testi delle canzoni del cartone animato potranno lasciare un po’ amareggiati i più “attempati” (come la sottoscritta), ma i bambini che non sanno a memoria ogni singola battuta dei “vecchi cartoni animati” sicuramente apprezzeranno quelli che per noi sono “cambiamenti” e che per loro non sono altro che la base di partenza di quella che si spera sarà una passione per questa storia che incanta generazioni e generazioni.

La preponderante presenza del musical si fa sentire quasi ancor più che nel cartone, un po’ perché essendo un remake live fa più effetto rispetto a un film d’animazione e un po’ perché c’è da dire che Emma Watson non convince proprio tantissimo, almeno personalmente parlando, quando si mette a cantare, recitare e ballare insieme.
Alzi la mano però chi riuscirà a trattenere una lacrimuccia durante la famosa scena del ballo nel salone delle feste o chi non saprà come fare a tenere ferme gambe e mani durante la famosissima “Stia Con Noi”, che potranno averla anche cambiata, ma comunque sia noi continueremo a cantarla per come la sappiamo.

La Bella e La Bestia la recensione in anteprima

Vedere letteralmente prendere vita personaggi che ci hanno accompagnato nella nostra infanzia per anni (e che non abbiamo mai davvero abbandonato, almeno personalmente parlando) e dar loro un volto, oltre che a vederli ancora più materialmente “possibili” (Mrs. Brick e Chicco mi hanno fatto emozionare più volte) li ha resi ancor più amabili e ha fatto venire un po’ voglia a tutti di mettersi a rivedere il cartone animato, una volta tornati a casa.

Alcuni personaggi sono stati approfonditi rispetto al cartone (Le Tont, appunto, come dicevo prima: vero e proprio simbolo di un’evoluzione globale della Disney, a mio avviso, ma anche il personaggio della fata e i genitori di Belle hanno subito un cambiamento molto positivo), altri sono stati un po’ lasciati a se stessi (personalmente parlando avrei preferito vedere più interazione tra Lumiére e Tockins, ad esempio), mentre altri rimangono inalterati, nel bene e nel male: è sempre e comunque emozionante sentire Belle cantare all’inizio del film del suo non volersi accontentare, così come è commovente sentire cantare “in solo” la Bestia (e mi sono ritrovata un po’ a teatro a vedere il musical di Broadway ispirato al cartone animato: in quella scena più che mai!) e, come sempre, Gaston con il suo comportamento vi farà prudere le mani.

luke evans, gaston, la bella e la bestia, live action disney

La Bella e la Bestia – live action Disney

Chiaramente tornerò a vederlo al cinema perché avrete capito che mi sono commossa tre/quattro volte (e non sono stata l’unica) e mi è piaciuto davvero tanto, ma c’è da dire che il cartone continuerà ad avere il suo fascino per una questione di retromania, di affetto e di abitudine. Certo è che questo film parla molto più alle nuove generazioni che alle “vecchie” e forse le mie nipoti con questo film capiranno meglio perché la loro zia è così fissata con le storie della Disney… o almeno spero.

Categorie
RecensioniWideNews

 Iscriviti alla nostra Newsletter:  

Le Ultime Novità: