Metro Manila Recensione in anteprima

da domani in sala

Dopo quattro anni dalla sua presentazione al Sundance Festival 2013 arriva anche in Italia Metro Manila. Opera cinematografica scritta e diretta dal regista inglese Sean Ellis che miscela dramma familiare e thriller.

Dopo una brevissima introduzione si viene catapultati nella caotica metropoli filippina. Lo spettatore è portato fin dall’arrivo in città della famiglia Ramirez ad assistere al classico film della famiglia che precipita in un inferno sempre più buio.

E per i primi 20 minuti tale intuizione non è errata. Ma poi accade un evento che sembra cambiare, in positivo, la vita di Oscar e della sua famiglia. Grazie a un inaspettato colpo di “fortuna” l’uomo trova un lavoro e in poco tempo anche un amico. Tutto sembra iniziare a prendere una buona piega per Oscar, anche se è spesso testimone di azioni non propriamente legali. Ma quando questa tranquillità sembra esser ormai certa, accade un evento che mette in discussione tutto ciò. Oscar risolverà il problema in maniera definitiva, anche se gli costerà un prezzo altissimo.

Ellis forse non stupirà per la sua regia, che risulta molto da manuale, ma confeziona un buon prodotto. Da un lato mostra l’aspetto più marcio di molte metropoli che privano di qualsiasi dignità l’essere umano. Dall’altro, e forse questo è l’aspetto più terribile, che la salvezza sua e della sua famiglia sta nell’abbandonare qualsiasi principio di onestà. Quindi la speranza, che pur anima il viaggio della famiglia Ramirez si tramuta ben presto in disperazione. Poi diverrà inganno visto come unica soluzione per non far soccombere la sua famiglia a causa di una sua scelta azzardata. Non è il messaggio che vorremmo sentire, ma di certo corrisponde ad amara verità che da anni impera in questo triste periodo storico.

Metro Manila

Metro Manila Recensione in anteprima

Curiosità:

  • Il film è stato girato con un Canon 5D, questo per offrire un maggior realismo al film.
  • Il budget per questo film è stato di 250 mila sterline.
  • Nel 2014 il film è stato proposto per miglior film straniero
  • La storia che spesso Oscar racconta di Alfred Santos è basata su di un evento accaduto realmente, il dirottamento del volo Philippine Airlines 812 avvenuto il 25 maggio 2000.
Categorie
RecensioniWideNews

Le Ultime Novità: