Vi presento Christopher Robin: La recensione in anteprima

“Volevo un libro per me, no su di me!” Una fiaba non proprio a lieto fine

Vi presento Christopher Robin: La recensione in anteprima
“Volevo un libro per me, no su di me!”
Una fiaba non proprio a lieto fine

Il film di genere biografico, diretto dal regista Simon Curtis, è un omaggio alla storia dell’uomo dietro il personaggio che lo rese celebre. La romantica ed emozionante biopic di Curtis, sceneggiata da Simon Vaughan, racconta di un giovane A. A. Milne (Domhnall Gleeson), scrittore dalla cui penna nacque l’orsetto più amato e conosciuto di sempre, Winnie the Pooh, le cui avventure sono contenute in alcuni tra i più bei libri illustrati per l’infanzia.
Milne, dopo il dramma della prima guerra mondiale, nel 1920 ebbe un figlio di nome Christopher Robin a cui dedicò una serie di opere letterarie per l’infanzia, ispirandosi al suo mondo di giochi. Il tenero pupazzo di peluche, Pooh, portato a casa dalla signora Milne (Margot Robbie), mamma del piccolo protagonista, per il suo primo compleanno, diventa compagno di giochi inseparabile del bambino e poi leader della fortunata banda di peluche che va allargandosi ogni anno: si uniscono alle scorribande all’aria aperta nella selvaggia foresta di Ashdown, il piccolo Pimpi, l’esuberante Tigro, il malinconico Ih-Oh, kanga e Ro. Senza contare Uffa e Tappo, veri animali del bosco, che hanno già tana e residenza tra gli alberi.

A volte A.A. Milne posa la matita sul quaderno per unirsi al gioco, poi corre nel suo studio a prendere nota delle avventure vissute. Il successo dell’opera ultimata è straordinario: le divertenti imprese di Christopher Robin e dei suoi amici di pezza restituiscono sogni e speranza al Paese ancora provato dalla guerra, ma attaccano al piccolo protagonista l’etichetta di “eterno bambino” o peggio ancora di “personaggio letterario”, incastrandolo in una fiaba non certo a lieto fine, in un ruolo dal quale non riuscirà a liberarsi nemmeno da adulto, un asfissiante alter ego letterario, creato dal padre, figura che avrebbe dovuto proteggerlo ed aiutare a crescere e che invece ha messo seriamente in discussione l’equilibrio interiore del piccolo Christopher Robin.

Categorie
NewsRecensioniWideNews

Le Ultime Novità: