Un amore sopra le righe, la recensione in anteprima,

PASSIONI, TRADIMENTI, SEPARAZIONI E RICONCILIAZIONI

UN AMORE SOPRA LE LE RIGHE – PASSIONI, TRADIMENTI, SEPARAZIONI E RICONCILIAZIONI

Tendente più alla commedia americana che a quella francese, Monsieur & Madame Adelman è un melodramma che non risparmia il lirismo e la tenerezza ma evita l’idealismo banale delle storie d’amore tradizionali.
Suddiviso in capitoli e commentato dalla voce fuori campo di Sarah (la protagonista), il racconto raggira i clichés romantici a colpi d’ironia irriverente, sfida il perbenismo a forza di provocazioni.
E’ una storia d’amore che indaga le ragioni di un sentimento che può durare una vita, nonostante ferite, meschinità e menzogne, ma anche una riflessione sulla costruzione dell’io tra realtà e apparenza.

Per Victor (il protagonista), quel che conta è convincere il pubblico di essere, non solo apparire, ed è per questo che si immedesima talmente nello scrittore ebreo da crederci lui stesso, cercando di agire come la persona per cui vorrebbe essere ricordata.
E’ sullo sfondo di una Francia magica e luminosa che prende vita la storia di Sarah e Victor. Lo scrittore riesce a raggiungere il proprio successo grazie a Sarah, l’unica persona che crede in lui e ai suoi sogni. Ma solo seguendo con attenzione fin dall’inizio “Un amore sopra le righe”, il finale non sembrerà poi così inaspettato. Si pensa immediatamente che dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna: il punto però è che questo uomo non è poi così grande! A tratti infatti appare addirittura banale: il classico marito depresso che non riesce ad accettare il tempo che passa e inizia a credere che la moglie lo tradisca, perché quella bellezza che prima lo faceva sorridere ora lo spaventa, diventando il sintomo di una paranoia ben più grande.
Scena dopo scena, assistiamo alla maturazione (fisica ed emotiva) dei due protagonisti del film, Sarah e Victor: il loro cambiamento avviene in maniera differente e in un certo senso opposto: dove Sarah trova il suo equilibrio, Victor lo perde e viceversa. Nicolas Bedos e Doria Tiller (marito e moglie anche nella vita reale) offrono un’interpretazione davvero eccellente sul grande schermo, riuscendo ad arricchire i propri personaggi di un’intensità e profondità che resta costante per tutto il film.
Come fanno i due protagonisti ad essere sposati da 45 anni? Quale segreto si cela dietro questa unione? Chi è veramente la donna enigmatica che vive all’ombra del famoso marito? Alla fine, però, è su lei, Sarah, che risplende la luce, consapevole della verità su questa storia d’amore e dall’affermazione che “le storie più belle si scrivono sempre in due”.

Categorie
Recensioni

Le Ultime Novità: