Tully recensione in anteprima del film con Charlize Theron

un film che racconta la fatica dell'essere mamma
Charlize Theron stars as Marlo in Jason Reitman's TULLY, a Focus Features release.

TULLY recensione in anteprima – un film che racconta la fatica dell’essere mamma

Quarantenne, due bambini, di cui uno molto impegnativo per il suo essere “particolare”, incinta del terzo figlio non esattamente voluto e alla prese con tutte le difficoltà che coinvolgono la vita delle madri, con problemi economici, fatiche e stress continui, vedendo passare gli anni e gli entusiasmi, anche quelli di coppia, la Marlo di questo film (Charlize Theron), è una donna sull’orlo di una crisi di nervi. Ecco però arrivare Tully (Mackenzie Davis), che sembra un miracolo, giovane, simpatica, bella, che, come una Mary Poppins del nuovo millennio, non solo risolve i problemi logistici, ma piano piano resuscita alcuni lati perduti della personalità della protagonista. Tra queste due donne appartenenti a due generazioni diverse si sviluppa un rapporto di “più che amicizia”, dato che la ragazza è necessaria per rianimarle la vita, gli entusiasmi, e se non altro il sonno e il sorriso.

Tully recensione

La depressione post-partum, la crisi matrimoniale, la perdita della femminilità, sembrano i pezzi di un puzzle che mostrano il dolore e il prezzo da pagare per chi voglia comporlo. Buona parte del film scorre in maniera frizzante, seguendo i binari di una tipica storia di amicizia, nata nel posto giusto al momento giusto. Inaspettatamente l’ultimo atto del racconto, sfodera una dose extra di coraggio, dove il dramma batte la commedia, suscitando nello spettatore un grande senso di soddisfazione per lo snodarsi degli avvenimenti, facendo comprendere quanto sia difficile essere genitori, dando informazioni in più, verso questa problematica e con la certezza che Charlize Theron, meriti un riconoscimento per il ruolo che interpreta, avendo dando grande prova di versatilità, rinunciando alla sua bellezza, scoprendo forse quello che è il ruolo più maturo di tutta la sua carriera e sicuramente il più difficile.
“I vent’anni sono bellissimi, poi i trenta arrivano da dietro l’angolo come un camion della spazzatura alle cinque del mattino” – dice a un certo punto la protagonista.

Tully scena dal film

Tully non è, o non è solo, un film che racconta la fatica dell’essere mamma o genitore; è qualcosa di più ampio e complesso come può esserlo la femminilità, il tempo che passa, le mutazioni volontarie o involontarie, consce o inconsce che una donna si trova a dover affrontare, nel corpo e nella psiche, anno dopo anno. È anche vero però, che ci fa comprendere che se da un lato si soffre per quello che si pensa di aver perduto, dall’altro, è capace di porci di fronte alla consapevolezza che in fondo quella vita fatta anche di routine, è quella giusta per te in quel momento, perché quello che pensavi di aver perduto per sempre, in realtà è sempre lì al tuo fianco, anzi dentro di te.

Tully sarà al cinema dal 28 giugno.

Categorie
RecensioniWideNews

Le Ultime Novità: