Bogside Story: Recensione in Anteprima

in sala dal 20 settembre
BOGSIDE STORY un documentario di Rocco Forte

Rocco Forte e Pietro Laino dirigono e scrivono un documentario sulla tristemente famosa domenica del 30 gennaio 1972, più conosciuta come: Bloody Sunday. Quel giorno, un pacifico corteo che manifestava per le vie di Bogside, quartiere cattolico della città di Darry, Irlanda del Nord, per chiedere che fossero rispettati i loro diritti civili, fu attaccato con inaudita violenza dall’esercito britannico, che sparando ai manifestanti inermi ne uccise quattordici, di cui sei minorenni e ne ferì sedici. Un evento che sarebbe rimasto occultato se un coraggioso reporter italiano Fulvio Grimaldi, presente durante quei terribili momenti, non li avesse registrati e fotografati, rendendo così partecipe il mondo di tale tragedia.

BOGSIDE STORY
un documentario di
Rocco Forte

Un documentario diverso dal solito

Si potrebbe erroneamente pensare che siamo dinanzi al classico documentario nel quale una serie di testimoni diretti o di storici ci riporta a quei momenti, mentre immagini di repertorio si susseguono.

Ma in questo caso non è proprio così. Il regista utilizza immagini di repertorio, fotografie e registrazioni audio del momento, ma ne fa un utilizzo secondario, la vera anima del film sono i murales, alcuni realizzati utilizzando le foto proprie di Fulvio Grimaldi, dei Bogside Artisti, Tom Kelly, William e Kevin Hasson, che costellano le pareti di molti edifici di Bogside. Questi artisti dal 1993, supportati dalla cittadinanza, decisero di raccontare sia i tragici eventi di quella Domenica del 1972, che altri significativi eventi legati a quegli anni attraverso dei giganteschi murales che potessero ricordare quei tragici momenti nel tempo. Ad accompagnare lo spettatore in questo viaggio visivo che fonde in se arte e storia oltre agli intervistati è Fulvio Grimaldi, spesso vera è propria voce narrante del documentario.

Si può solo essere fieri di questo lavoro realizzato con meticolosa attenzione da Rocco Forte e Pietro Laino, che riportano all’attenzione un evento, sicuramente poco conosciuto dalla molti in Italia, attraverso il potere creativo e senza confini dell’arte.

Bogside Story, ha anche un ottimo commento musicale, un aspetto spesso sottovalutato nei documentari di questo genere, ma che invece siamo certi affascinerà, quanto l’opera stessa lo spettatore.

Bogside Story sarà in sala dal 20 settembre.

Guardate il Trailer a questo LINK.

Categorie
CinemaRecensioni

Le Ultime Novità: