Halloween: torna Michael Myers dopo 40 anni, Recensione in Anteprima

al cinema dal 25 ottobre
Halloween
Halloween

Halloween 40 anni dopo. Torna Michael Myers esattamente dopo 40 anni dal primo capolavoro di John Carpenter in un film che è diretto sequel del primo annullando tutti gli altri capitoli. 

Vi parliamo di Halloween in anteprima con questa recensione senza spoiler, l’abbiamo visto alla Festa del Cinema di Roma.

Il successo dell’Halloween di John Carpenter è stato tale da non mancare mai dalle sale cinematografiche, la sua saga è giunta all’undicesimo film con questo, diretto da David Gordon Green. Questa volta però si è scelta l’opzione “reset”, ovvero di non considerare i dieci film precedenti (compresi quelli di Rob Zombie) e di proporre un sequel diretto del primo Halloween. Una scelta interessante che elimina molti degli avvenimenti infelici scritti dagli sceneggiatori precedenti e che sicuramente fa nascere nei fan molta curiosità. Da un altro lato si tratta di una scelta di convenienza non da poco per evitare di fare i conti con avvenimenti di altri dieci film, inoltre si da la possibilità al pubblico che non conosce la saga, di recuperare un solo film di Halloween prima di andare al cinema.

Halloween

Laurie Strode

Halloween: l’idea

Il film è prodotto dalla BlumHouse, nota casa di produzione per film horror a basso budget ma dall’enorme successo. Basti pensare a Scappa – Get Out che è arrivato anche agli Oscar o a Split che ha avuto un enorme successo al botteghino permettendo al regista M. Night Shyamalan di continuare la storia nel film di prossima uscita Glass.

L’idea è quella di riportare Michael Myers a compiere efferati omicidi e fondamentalmente quella di porre uno contro l’altro Michael (l’uomo nero) con l’ex babysitter Laurie Strode (Jamie Lee Curtis). L’incipit mette in gioco due reporter che vogliono indagare sui fatti di 40 anni prima, questi scateneranno degli eventi che porteranno Michael di nuovo in libertà pronto a uccidere e in cerca della sua vendetta con Laurie.

Halloween 2018

Horro al cinema

 

Halloween: un film solido

Halloween si presenta come un horror solido e ben strutturato che riesce a rispettare l’opera insuperabile di Carpenter proponendo un film dalla struttura classica con innesti moderni. È uno slasher puro che non ricorre a mezzi banali per spaventare, anche perché lo scopo del film è quello di raccontare una storia e questo gli riesce bene. Il racconto, per tutta la prima parte ricalca quasi in maniera pedissequa le vicende dell’Halloween di Carpenter e lo fa inserendo degli elementi per attualizzare il film ai giorni nostri. Poi nel finale ci regala il tanto atteso scontro tra i due protagonisti che in tutti questi anni hanno vissuto vite parallele. Per questo Halloween propone un intelligente gioco di scambio di ruoli del quale però non vi anticipo nulla.

Conclusioni

Halloween del 1978 non è un film comune ed è difficilmente superabile, per questo il sequel di David Gordon Green non da l’impressione di essere un film ambizioso. Sembra quindi, essere consapevole del suo ruolo di secondo capitolo e senza volere strafare regala quasi due ore di una storia interessante e di uccisioni ben piazzate. Halloween infine è un film sulla forza e la debolezza, sulla paura e il coraggio in un gioco diverso dal classico bene e male.
Un film che soddisferà i fan di Halloween.

Categorie
RecensioniWideNews

Le Ultime Novità: