Robin Hood: L’Origine della leggenda

l'ennesimo Robin Hood!

Il personaggio di Robin Hood torna in una nuova versione

Nel film “Robin Hood: L’origine della leggenda” Robin di Loxley (Taron Edgerton) parte per le crociate lasciandosi alla spalle il dolce amore di Marian (Eve Hewson).
Nei quattro anni di crociate combatte nella squadra di Guy di Gisbourne, fino a quando non difende un prigioniero e viene rimandato a casa dopo essere stato  ferito.
Al suo ritorno Robin troverà le sue terre confiscate e Marian promessa a Will Scarlett (Jamie Dornan).
L’incontro con John (Jamie Foxx), il padre del prigioniero che in guerra non era riuscito a salvare, lo porterà a combattere contro lo Sceriffo di Nottingham (Ben Mendelsohn) e contro la Corona d’Inghilterra.

Jamie Foxx e Taron Edgerton in "Robin Hood: L'Origine della leggenda

Jamie Foxx e Taron Edgerton in “Robin Hood: L’Origine della leggenda”

 

Un Robin Hood per il nuovo millennio

Ultimamente il cinema sta cercando di svecchiare eroi e personaggi del passato per avvicinarsi alle nuove generazioni, uno degli ultimi esempi è stato il film “King Arthur” diretto da Guy Ritchie.

Si cerca di fare la stessa cosa anche con l’eroe della foresta di Sherwood, colui che ruba ai ricchi per sfamare i poveri, ma ci si domanda se c’era bisogno di un’altra versione.  L’ultima risale al 2010 con Russell Crowe diretta da Ridley Scott.

Prodotto da Leonardo DiCaprio il film “Robin Hood: L’origine della leggenda” mette le mani avanti e ci propone un tipo di storia completamente diverso, diventando un action movie che strizza l’occhio allo stile della graphic novel, senza esserne del tutto convinto.

Se le scene d’azione, dove la battaglia impazza, risultano le più convincenti, è l’adattamento fin troppo moderno a lasciare perplessi.
Ci sono scelte registiche e di trama poco funzionali alla narrazione ed alcune scene riescono meno di altre.

Taron Edgerton con l'arco in mano in una scena da Robin Hood: L'origine della leggenda

Taron Edgerton in Robin Hood: L’origine della leggenda

Semplicemente Hood

La cosa più interessante nella pellicola “Robin Hood: L’Origine della Leggenda” è la caratterizzazione dei personaggi.
Taron Edgerton non è nuovo a questo tipo di ruolo; il suo Robin Hood è più vigilantes che paladino degli oppressi, un personaggio che inizialmente vuole riconquistare solo l’amore di Marian e che con riluttanza accetta di ricoprire quella figura che la storia richiede.
Jamie Foxx veste i panni di John, il moro in cerca di vendetta. Il background del personaggio è quello più interessante, ma viene sacrificato per dare spazio al protagonista, un peccato perché poteva esserci un buon equilibrio tra i due che si perde, puntando sempre all’azione piuttosto che al loro vissuto.
Ben Mendelsohn riesce a dare un taglio totalmente personale allo Sceriffo di Nottingham, ma è proprio la storia a non riuscire a dare quello che il personaggio richiederebbe, oscurato da una trama più ampia.

Il finale lancia i semi per un’eventuale seguito, ma dato il clamoroso flop al box office USA la realizzazione potrebbe non esserci.

In conclusione:

Il film “Robin Hood: L’origine della leggenda” pur essendo un action movie di genere con del potenziale, non riesce ad aver quel quid in più che serve per rilanciare il personaggio e farlo diventare nuovamente leggenda.

 

Scriveteci cosa ne pensate di “Robin Hood: L’Origine della leggenda” e continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook, WideMovie.it

Categorie
CinemaRecensioni

Le Ultime Novità: