Van Gogh: Sulla soglia dell’eternità La recensione in anteprima

Dal 3 gennaio al cinema
Van Gogh: Sulla soglia dell’eternità, Trailer Ufficiale Italiano
Van Gogh: Sulla soglia dell’eternità, Trailer Ufficiale Italiano

“Van Gogh: sulla soglia dell’eternità” racconta l’ultimo periodo di vita del pittore.

Nel film “Van Gogh: sulla soglia dell’eternità” la narrazione si sviluppa attraverso momenti chiave dell’esistenza dell’artista.  L’incontro tra Van Gogh (William Defoe) e Gauguin (Oscar Isaac) e il loro soggiorno ad Arles, il ricovero al manicomio di Saint-Rémy e la permanenza del pittore ad Auvers chiusasi con la sua misteriosa morte.
Sempre costante il viscerale rapporto che c’era tra Van Gogh e suo fratello Theo(Rupert Friend), convinto sostenitore dell’arte di Vincent che lo supportò fino alla fine dei suoi giorni.

Related image

Willem Dafoe nel film “Van Gogh: Sulla soglia dell’eternità”

Un film come un dipinto

La pellicola “Van Gogh: sulla soglia dell’eternità” è un biopic essenziale, un film interiore che sottolinea l’importanza sia del silenzio sia delle parole.
Il registro e il ritmo del lungometraggio cambiano a seconda dei personaggi.
Se Gauguin si porta dietro un continuo brusio, l’allegra ed insaziabile voglia di andare oltre ed essere sempre in movimento; per Van Gogh si predilige il silenzio, il continuo logorio di un lavorio dell’anima, una sofferenza che man mano viene accettata, ma che nasconde una grande fragilità e solitudine.

Per il ruolo di Van Gogh è stato scelto Willem Dafoe che, con un’interpretazione totalizzante, riesce a trasmettere l’anima dannata del protagonista. Alterna stati d’angoscia a stati di lucidità con lo sguardo affamato di sapere, rivolto ad una realtà che non lo comprende.
Oscar Isaac convince nel ruolo di  Paul Gauguin  e Rupert Friend gestisce il ruolo di Theo Van Gogh con decisa pacatezza.

Interessante e significativo il dialogo che il pittore intratterrà con due personaggi secondari. Il primo un prete nella clinica di Saint-Rémy interpretato da Mads Mikkelsen, il secondo un medico interpretato da Mathieu Amalric.

Image result for van gogh film

“”Van Gogh: Sulla soglia dell’eternità” – Una scena del film

In conclusione

Dopo il film “Basquiat” il regista Julian Schnabel torna dietro la macchina da presa per dirigere “Van Gogh: sulla soglia dell’eternità”, un film dedicato al genio incompreso di un maestro senza tempo.
Lo fa prevalentemente con l’occhio dell’artista, facendo scelte registiche particolari, utilizzando il punto di vista del pittore per creare un’esperienza  quasi immersiva da parte del pubblico.
Come le pennellate di Van Gogh, il colore è un altro elemento fondamentale per questa pellicola che respira e si interroga come il protagonista.

 

Scriveteci cosa ne pensate e seguiteci sulla nostra pagina Facebook WideMovie.it

Categorie
CinemaRecensioniWideNews

Le Ultime Novità: