Light of my life; la recensione in anteprima

Dal 21 novembre al cinema

Casey Affleck debutta alla regia con il film Light of my life

In Light of my life ci ritroviamo in un mondo distopico e post-pandemico. Un virus ha ucciso la maggior parte degli esseri femminili nel mondo. Un padre (Casey Affleck) ed una figlia si nascondono nei boschi del midwest americano. L’uomo cerca in tutti i modi di proteggere l’undicenne Rag(Anna Pniowsky), in un continuo peregrinare; rimanendo sempre allerta il padre le insegna l’etica, la storia e la moralità, cercando di formarla per un domani pieno di incertezze. Un incontro casuale innescherà una serie di conseguenze e minerà le varie precauzioni che i due hanno preso, mettendo a rischio la loro sicurezza.

Light of my life – le tematiche

Casey Affleck dirige, scrive ed interpreta Light of my life. Per il suo primo film da regista decide di portare sullo schermo una storia di formazione. Una trama multistrato dove l’elemento scatenante fantascientifico del virus, risulta quasi un espediente narrativo che permette di esplorare in maniera più intima il rapporto atavico genitori – figli. In un contesto estremo in mezzo alla natura, in un futuro non troppo lontano, dove la minaccia per la piccola Rag aumenta mentre la narrazione avanza e dove l’angoscia mista alla  disperazione del padre diventeranno sempre più presenti.

In Light of my life ritroviamo in secondo piano, una sorta di critica alla società. Una società che non è riuscita a rialzarsi, ormai collassata su sé stessa, ossessivamente squilibrata, agonizzante e che non vede alternative. Ultimamente una tematica che in questo genere di film si riscontra spesso.

Alcune scelte registiche sono più convincenti di altre, in alcuni momenti poteva osare di più. il ritmo rimane costante per tutta la durata del film anche se la prima parte risulta meno fluida della seconda. Casey Affleck e la debuttante Anna Pniowsky risultano convincenti nei rispettivi ruoli di padre e figlia e cercano di colmare, non sempre riuscendoci, qualche buco di trama.

In conclusione

Light of my life, opera prima di Casey Affleck per quanto riguarda la regia, tra fantascienza, dramma e un pizzico di thriller, risulta una pellicola interessante, emotiva, interiore ed emozionale. Propone inoltre uno spaccato sulla genetorialità e sulle esistenze di due persone che affrontano scelte difficili in relazione al mondo, alla famiglia, sempre al limite tra il bene e il male.

 

Scriveteci cosa ne pensate del film e continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook WideMovie.it

Categorie
CinemaNewsRecensioniWideNews

Le Ultime Novità: