Hollywood, recensione della nuova serie Netflix

NO Spoiler
Hollywood Netflix
Hollywood Netflix

Un viaggio nella Hollywood che sarebbe dovuta essere

Netflix ha reso disponibile la serie TV Hollywood creata da Ian Brennan e Ryan Murphy (co-autori di Glee e Scream Queens).

Lo show è composto da 7 episodi, è ambientato a metà degli anni ’40 e narra delle ambizioni di un gruppo di giovani ragazzi, che vogliono avere successo a Hollywood. Tutto li porterà a collaborare per la buona riuscita di un film, contro le condizioni socio-politiche dell’epoca, ancora omofobiche e ancorate alla discriminazione razziale.

La serie è impostata come una commedia leggera quasi priva di drammi, frivola all’apparenza, nonostante i temi di fondo trattati. Ha un ritmo ottimo, tutti i personaggi hanno il loro spazio e anche le co-star hanno un ruolo importante per l’economia dello show. A questo proposito, si è svolto un grande lavoro di equilibrio tra le storie e le vicende, che si intrecciano in maniera naturale e senza forzature.

Hollywood, un po’ come in C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, diventa la terra dei sogni realizzabili, dove il cinema è un’arma, un collante tra popoli, razze, uomini e donne.

Chiunque ami le commedie e i retroscena della realizzazione di un film, amerà Hollywood su Netflix, mentre chi si aspetta drammi o colpi di scena a effetto non sarà accontentato, perché tutto o quasi fila liscio come l’olio nella terra dei sogni: Dreamland.

Hollywood è disponibile su Netflix dal primo maggio 2020.

Scriveteci cosa ne pensate del film e continuiate a seguirci sulla nostra pagina Facebook WideMovie.it/

Categorie
NetflixNewsRecensioniWideNews

Le Ultime Novità: