King’s Man: Le origini: la recensione del film diretto da Matthew Vaughn

Dal 5 gennaio al cinema

King’s Man: Le origini –  Alla scoperta dell’Agenzia King’s Man

Il film King’s Man: Le origini racconta la storia degli inizi dell’agenzia segreta che conosciamo come King’s Man. I primordi della società segreta nascono durante la prima guerra mondiale in Gran Bretagna, mentre le peggiori figure negative della storia si sono unite in gran segreto per scatenare una guerra che spazzerà via numerose vite umane.
Riuscirà il Duca di Oxford(Ralph Finnies) ad impedire l’attuazione del piano e scoprire chi c’è dietro a  tale minaccia?

King’s Man : Le Origini  – Un prequel tra action e commedia

King’s Man: Le origini è il terzo capitolo della saga tratta dal comic book “The Secret Service” di Mark Millar e Dave Gibbons. Dirige nuovamente Matthew Vaughn dopo i primi film.

Interessante la scelta di sviluppare un prequel dove l’essenza della pellicola non cambia; il regista rimane in linea con lo spirito dei due capitoli precedenti proponendo una storia sopra le righe, non tanto approfondita e un po’ baraccona.
Mixa alcuni elementi storici realmente accaduti con una trama di fantasia. Infatti in questo prequel troviamo il piccolo gruppo dei King’s Man agli albori, pronto a confrontarsi con alcune figure storiche come il monaco Rasputin, interpretato da un convincente Rhys Ifans, personaggio già utilizzato nel primo Hellboy di Del Toro. Crea però una narrazione più classica che lavora di sottrazione e che non esagera, concentrandosi soprattutto sulla storyline dei personaggi. Il regista sceglie di inserire la maggior parte delle scene di azione nella seconda parte del film, cosa che squilibra lievemente il ritmo della pellicola e ne appesantisce leggermente la prima parte.

Convincente invece il gruppo di villain con cui il Duca di Oxford dovrà confrontarsi in alcune scene action particolarmente efficaci.

Inoltre Vaughn si permette di giocare con alcune tematiche tra cui l’elitarietà tra cariche gerarchiche e la lotta di classe, preferendo utilizzare sempre il sense of humour inglese piuttosto che cedere a determinati meccanismi dei franchise americani. Per fare questo si appoggia ad un cast quasi totalmente british capitanato da Ralph Fiennes, Gemma Arterton, Rhys Ifans, Matthew Goode e Tom Hollander.

In conclusione

Con King’s Man: Le Origini, Matthew Vaughn tra azione, avventura, commedia e qualche risvolto agrodolce riesce a confezionare un prequel interessante anche se con alcune pecche, mantenendo costante la sua idea di saga auto ironica e leggera.

Categorie
CinemaRecensioniWideNews

Le Ultime Novità: