Chi è senza Peccato – Quando menti su una cosa per tanto tempo diventa una seconda verità: La recensione in anteprima

Una sporca faccenda di rancori e delitti insoluti nel deserto australiano

CHI È SENZA PECCATO – Quando menti su una cosa per tanto tempo diventa una seconda verità: La recensione in anteprima

Una sporca faccenda di rancori e delitti insoluti nel deserto australiano
Il film, con protagonista Eric Bana, è l’adattamento cinematografico del pluripremiato romanzo Chi è senza peccato – The Dry, scritto da Jane Harper e racconta la storia di Aaron Falk (Eric Bana), detective di polizia, che dopo un’assenza di circa venti anni, torna nella sua città natale per il funerale di Luke, suo amico d’infanzia. Viene così a sapere che la polizia ritiene che Luke prima di suicidarsi, abbia ucciso la moglie e il figlio, e seppure con riluttanza Aaron accetta di indagare sul caso nel tentativo di comprendere la dinamica di quanto avvenuto. Ritorneranno così alla luce vecchie ferite che venti anni prima hanno coinvolto il detective come la morte di una ragazza diciassettenne, amica anche di Luke e mentre sospetta un collegamento tra questi due crimini, si batte per dimostrare l’innocenza del suo amico.

I personaggi del film raccontano storie apparentemente normali di un piccolo paese, ma quello che viene mostrato in superficie nasconde ciò che succede nell’animo di una persona facendo risaltare i tratti più reconditi dell’essere umano: l’egoismo, la paura, la diffidenza, i pregiudizi. Sarà quindi, difficilissimo per l’agente Falk scavare negli animi dei vari personaggi, risalire alla verità e condannare il colpevole. Scavare nell’animo di una comunità in cui i rapporti sono basati sui vari timori che uno ha verso l’altro, non fa che complicare e ritardare le indagini, anche perché ognuno di loro ha una sfumatura di Aaron che deve confrontarsi con la riesumazione di ricordi che credeva di aver spinto nel più profondo del proprio inconscio. Non è facile affrontarli, ma se si vuole crescere senza rimorsi e divenire più forti, bisogna farlo. A tutto ciò va aggiunta la difficoltà che si incontra nel capire le persone quando mentono e saperle affrontare nel giusto modo per scoprire la verità, considerando che il nostro agente si sta confrontando con persone che conosce da molti anni e che possono sviare le indagini e che, seppure inconsciamente si è portati a proteggere.
Il film procede con molti flashback che spiegano in modo chiaro il passato del protagonista e dei suoi concittadini, variegandolo con fasi narrative e dialoghi che conducono verso una ovvia conclusione, ma al contempo facendo riflettere sui pregiudizi verso alcuni personaggi che ci fanno comprendere che inseguendo il colpevole si può cadere vittima delle prime impressioni siano esse positive o negative.

Categorie
NewsRecensioni

Le Ultime Novità: